Giorno: 9 Settembre 2020

Turismo, in Sardegna 10 milioni di presenze, Solinas “Sistema ha tenuto”

By RadioItaliaAnni60tv on 9 Settembre 2020 in TOP NEWS

CAGLIARI (ITALPRESS) – Un sensibile calo, ma non un crollo. Il turismo sardo ha retto il devastante impatto della pandemia, attestandosi su numeri che risentono della diminuzione degli arrivi e delle presenze, ma in modo meno drammatico rispetto alle previsioni. E’ il quadro che emerge dai dati sulle presenze turistiche aggiornati ad agosto, e suscettibili di ulteriori miglioramenti a settembre, calcolati sugli arrivi negli aeroporti e nei porti sardi.
Sono stati illustrati nel corso di un incontro tra la Giunta Regionale e gli operatori del settore, che si è svolto all’aeroporto di Cagliari, organizzato dall’assessore del Turismo Gianni Chessa. Erano presenti l’assessore ai Trasporti Giorgio Todde, al Bilancio Giuseppe Fasolino e al Lavoro Alessandra Zedda.
Nei porti sardi, nei mesi di giugno, luglio e agosto, sono sbarcati 1.061.165 passeggeri, con una perdita del 20% rispetto all’anno precedente. Il dato complessivo, diminuito del 20% (relativo a passeggeri non turisti), risulta essere 848.932 arrivi. Negli aeroporti gli arrivi sono stati 925.403. Sempre con una diminuzione calcolata nel 15% relativamente a passeggeri non turisti, gli arrivi risultano essere 786.592.
Complessivamente, dunque, gli arrivi turistici certificati sono stati 1.634.568. Le presenze turistiche nel periodo preso in considerazione, in base ad una permanenza media calcolata in 7 giorni, sono 9.875.486, non comprensive della nautica da diporto.
“Numeri che confermano quanto anticipavo all’inizio della stagione, tra l’incredulità di alcuni”, dice il presidente della Regione Christian Solinas. Sono dati “che risentono pesantemente della crisi determinata dalla pandemia, ma che attestano, in modo indiscutibile, che il sistema turistico sardo ha saputo affrontare nel migliore dei modi, pur tra enormi sacrifici, la situazione di difficoltà. Il tracollo del comparto turistico non c’è stato – prosegue il presidente Solinas -, nonostante un attacco mediatico senza precedenti che la Sardegna ha dovuto subire, patendo gli effetti di una campagna studiata a tavolino e finalizzata a indicare la nostra isola, priva di focolai autoctoni e con un indice di contagio vicino allo zero, come una terra infetta e pericolosa. La Regione, tramite il suo ufficio legale – prosegue Solinas – sta valutando tutte le azioni per tutelare la propria immagine in campo nazionale e internazionale. Confidiamo intanto in un mese di settembre che possa ulteriormente incrementare il numero delle presenze portandolo ad un livello complessivo vicino a quelli consueti. Ha invece evidentemente premiato il messaggio di una Sardegna sicura che abbiamo avuto cura di promuovere”.
“La Giunta, da parte sua – conclude il presidente della Regione -, oltre alle imponenti azioni finanziarie messe in campo a sostegno delle imprese, e in particolare di quelle turistiche, impegnerà altre risorse per aiutare il comparto a superare il momento difficile e a sviluppare nuovi scenari e ampliare i mercati, così come per dare definitiva attuazione ad un adeguato sistema di continuità territoriale aerea e marittima”.
Dai dati forniti si è sviluppato un dibattito tra gli operatori, durante il quale anche il presidente di Confindustria Sardegna, Maurizio De Pascale, ha dato atto al presidente e alla Giunta “di una gestione virtuosa del sistema di controllo degli accessi”.
Un appello all’unità e allo sforzo comune per affrontare le difficoltà del momento è stato rivolto agli operatori turistici dall’Assessore Gianni Chessa. “Mai come ora – ha detto l’esponente della Giunta – la Sardegna ha bisogno di mettere in campo le sue migliori risorse e la sua voglia di riscatto. L’industria turistica sarda, ha detto l’assessore, ha dimostrato di reggere l’impatto con una realtà difficilissima, mai conosciuta dall’umanità negli ultimi secoli, e di avere le carte in regola per programmare una forte ripresa fin dal 2021.
Anche in questi mesi di pandemia – ha detto ancora l’assessore Chessa – abbiamo programmato una serie di eventi di sport e spettacolo di interesse internazionale, che aiuteranno la Sardegna a diffondere sempre più la propria immagine nel mondo”.
(ITALPRESS).

Al Mugello il 1000° GP della Ferrari, Acqua Lete event partner

By RadioItaliaAnni60tv on 9 Settembre 2020 in TOP NEWS

ROMA (ITALPRESS) – Acqua Lete, da oltre 25 anni a fianco dello sport, corre per la prima volta nel mondo dei motori grazie a una partnership con un brand iconico e riconosciuto a livello globale: la Scuderia Ferrari. Acqua Lete diventa infatti event partner del 1000° Gran Premio disputato dal team di Maranello, un evento che celebra un traguardo unico per Ferrari, proprio sul tracciato di casa del Mugello. “Il connubio tra sport e Acqua Lete è ormai radicato in tutti gli appassionati di sport, per le caratteristiche del nostro prodotto, come per la nostra continua presenza in importanti eventi nazionali e internazionali in diversi ambiti sportivi. Entrare nel mondo dei motori proprio in un’occasione così importante come quella dei 1000 GP della Scuderia Ferrari, e farlo sul circuito italiano del Mugello, non può che essere per noi un motivo di orgoglio e una pietra miliare nel nostro lungo percorso a fianco dello sport e degli sportivi – le parole di Nicola Arnone, presidente di Acqua Lete -. Il weekend di gara sarà una celebrazione dell’eccellenza italiana, che vedrà due storici brand, che condividono il valore della sfida e il forte senso di appartenenza, insieme in questo evento straordinario”.
(ITALPRESS).

Tour2020, Ewan concede il bis e vince in volata l’11^ tappa

By RadioItaliaAnni60tv on 9 Settembre 2020 in TOP NEWS

POITIERS (FRANCIA) (ITALPRESS) – Caleb Ewan ha vinto in volata l’undicesima tappa del Tour de France 2020. Una frazione, quella da Chatelaillon-Plage a Poitiers, estremamente pianeggiante per gran parte dei 167.5 chilometri previsti, con la fuga impossibile del francese Ladagnous (FdJ-Groupama) che non ha avuto scampo ed è stato riassorbito dal plotone tirato dalle squadre dei velocisti. Come previsto, dunque, arrivo con uno straordinario sprint di gruppo che vede imporsi il corridore australiano della Lotto Soudal, abile a precedere al traguardo per un nulla Sagan e Bennett. L’ex iridato slovacco sarà poi retrocesso nelle retrovie dal Var per una gomitata a Van Aert, che sale così sul gradino più basso del podio. Tappa tranquilla per la maglia gialla Primoz Roglic e per gli altri uomini di classifica, non cambiano dunque i distacchi tra i big: Egan Bernal insegue a 21″, Guillaume Martin terzo a 28″, con Tadej Pogacar settimo a 44″. Domani in programma la dodicesima frazione della Grande Boucle con partenza da Chauvigny e arrivo a Sarran Correze dopo ben 218 km. Percorso molto mosso con diverse ascese, difficilmente però si potranno vedere gli attacchi degli uomini più attesi: probabile piuttosto l’arrivo di una fuga da lontano.
(ITALPRESS).

Per Ookla rete mobile di Windtre è la più veloce d’Italia

By RadioItaliaAnni60tv on 9 Settembre 2020 in TOP NEWS

ROMA (ITALPRESS) – E’ Windtre l’operatore mobile più veloce d’Italia secondo Ookla, la società leader globale nelle applicazioni di testing e nella data analysis per le reti fisse e mobili, che ha sviluppato Speedtest. Ookla ha conferito all’azienda guidata da Jeffrey Hedberg il prestigioso ‘Speedtest Award’, per aver fornito la più elevata velocità di rete mobile nel primo e secondo trimestre 2020. Nei primi sei mesi dell’anno, Ookla ha confrontato i risultati di 7.307.941 test svolti dai clienti in Italia con le app mobili Speedtest, per dispositivi iOS e Android, e ha calcolato lo ‘Speed Scorè di ogni operatore. La rete di Windtre ha ottenuto la migliore prestazione in termini di velocità, con un valore medio pari a 44,43 Mbps in download e 13,15 Mbps in upload, totalizzando uno ‘Speed Scorè combinato di 43,92, il più alto registrato in Italia.
“Siamo lieti di attribuire a Windtre il premio per la rete più veloce in Italia”, commenta Doug Suttles, CEO di Ookla. “Questo risultato, precisa, attesta le elevate prestazioni dell’operatore nei primi due trimestri dell’anno, in base alle analisi rigorose di Ookla sulle misurazioni effettuate dai consumatori con Speedtest”.
“Il premio ricevuto da Ookla è un ulteriore riconoscimento alle performance della rete di Windtre”, dichiara Benoit Hanssen, Chief Technology Officer di Windtre. “Sono molto soddisfatto, continua, perchè abbiamo lavorato con impegno per offrire ai nostri clienti l’eccellente ‘Top Quality Network’, tecnologicamente all’avanguardia, e continuiamo a farlo ogni giorno con l’obiettivo di espandere la nostra infrastruttura e di fornire connessioni sempre più affidabili e veloci”.
“In un momento in cui essere connessi è sempre più importante per il lavoro, lo studio, ma anche per l’intrattenimento, aggiunge il Chief Commercial Officer di Windtre, Gianluca Corti, anche Ookla, dopo altre importanti società indipendenti di analisi, riconosce i risultati d’eccellenza raggiunti da Windtre con il prestigioso premio ‘Speedtest Award’. Abbiamo intrapreso un percorso di sviluppo, rileva Corti, investendo sulla qualità dei nostri servizi e della nostra rete ‘Top Quality’, un network nato per avvicinare le persone, agevolarle nelle sfide quotidiane e nelle relazioni tramite la tecnologia”.
Al premio ricevuto da Windtre è dedicata anche una campagna TV, con formati brevi on air da domenica 6 settembre sui principali network nazionali.
(ITALPRESS).

Scuola, Conte conferma il 14 settembre “Ripartenza in sicurezza”

By RadioItaliaAnni60tv on 9 Settembre 2020 in TOP NEWS

ROMA (ITALPRESS) – L’anno scolastico ripartirà il 14 settembre, in sicurezza. Lo ha assicurato il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, nel corso della conferenza stampa a palazzo Chigi, con i ministri dell’Istruzione, Lucia Azzolina, della Salute, Roberto Speranza, e dei Trasporti, Paola De Micheli.
“Il rientro a scuola avverrà in un contesto nuovo e non facile, grazie al lavoro preparatorio fatto l’anno scolastico comincerà regolarmente, a partire dal 14 settembre – ha detto -. Ci sarà qualche cambiamento e regole nuove, ma il rientro sarà in piena sicurezza: il rientro in classe in sicurezza è l’obiettivo prioritario di questo governo. Ogni anno la scuola riparte tra mille polemiche, disagi ritardi, quest’anno in aggiunta a queste carenze strutturali, si aggiungono anche le difficoltà causate dalla pandemia, che complicheranno inevitabilmente la scuola”.
Nel corso della conferenza stampa il premier non ha nascosto le criticità che ci potranno essere, soprattutto nel caso in cui un alunno sia positivo al coronavirus: “Sarebbe una bugia dire che sarà tutto meglio di prima, ci potranno essere delle difficoltà”.
E per questo ha invitato gli studenti a rispettare le regole: “Quest’anno si ritorna a scuola con fiducia, con una didattica in presenza, se ci sarà la quarantena sarà limitata”. I ministri Speranza e Azzolina rivendicano la scelta della chiusura della scuola nel periodo di massima emergenza: “E’ stato giusto chiudere le scuole ed è necessario e doveroso riaprirle adesso. Abbiamo l’imperativo morale di restituire alle famiglie e agli studenti un pezzo di normalità, di speranza e di futuro”, ha detto Azzolina.
Per Speranza “chiudere le scuole è stata la scelta più difficile e dolorosa in quei mesi difficili. Il lockdown sarà definitivamente archiviato solo quando ogni studente sarà tornato a scuola in sicurezza”. Sull’obbligo delle mascherine è intervenuta la ministra De Micheli: “Sui mezzi di trasporto pubblico locale sarà obbligatorio l’utilizzo delle mascherine esclusivamente chirurgiche e non più quelle di stoffa”.
(ITALPRESS).

Milano, sprint verso l’attivazione della nuova linea metro M4

By RadioItaliaAnni60tv on 9 Settembre 2020 in TOP NEWS

MILANO (ITALPRESS) – E’ finito oggi alla Stazione Solari il viaggio nel sottosuolo di Milano delle TBM (Tunnel Boring Machine, fresa meccanica) per la nuova linea metropolitana M4, con il breakthrough della prima delle due talpe e 620mila metri cubi di scavi lungo i 9.200 metri delle due gallerie nella tratta centro.
Lavori che hanno visto all’opera nel complesso 1.500 persone e che, grazie a misure di sicurezza straordinarie per la tutela della salute dei lavoratori, sono andati avanti anche durante l’emergenza sanitaria legata al COVID – Coronavirus per consegnare il prima possibile ai milanesi un progetto strategico per la mobilità sostenibile della città.
Le attività del Gruppo Webuild infatti procedono senza sosta in vista della primavera del 2021, quando sarà attivata la prima tratta funzionale della nuova metropolitana, tra Linate e Forlanini FS.
Commissionata dal Comune di Milano, la linea è realizzata dalla società mista concessionaria M4, incaricata di realizzare e gestire l’opera e partecipata dal Comune di Milano e da un raggruppamento di soci privati guidato dal Gruppo Webuild.
Ad assistere al breakthrough del diaframma che separava la prima delle due talpe (binario dispari) dall’ingresso nella stazione Solari, il sindaco di Milano Beppe Sala, l’assessore alla Mobilità Marco Granelli, il direttore generale Webuild Massimo Ferrari, il presidente M4 spa Fabio Terragni e Guido Mannella, Webuild, presidente del consorzio dei costruttori CMM4. Nei prossimi giorni a vedere la luce alla Stazione Solari sarà anche la talpa gemella del binario pari. Smontate le due talpe, si procederà poi con l’armamento della linea, cioè con la posa dei binari, delle linee di alimentazione elettrica e dell’installazione del sistema di guida computerizzato.
Lo scavo, che ha toccato il record di produzione mensile di 540 metri lineari, è stato eseguito in un contesto geologico e geotecnico impegnativo, sempre sottofalda. La complessa gestione di 600 mezzi transitati ogni giorno, 15.000 in un solo mese, in un contesto fortemente antropizzato, e l’accurato sistema di smaltimento del materiale hanno permesso di limitare al massimo gli impatti sulla vita legati alla realizzazione di un progetto imponente con 56 cantieri aperti anche nel centro di Milano, dimostrando un continuo impegno di lotta all’inquinamento già nella fase di produzione.
La linea sarà lunga nel complesso 15 chilometri con 21 stazioni e attraverserà in soli 30 minuti il centro storico della città, collegando il quadrante Est (aeroporto di Linate) con il quadrante Sud-Ovest, fino alla stazione di San Cristoforo.
La nuova M4 contribuirà ad aumentare un “effetto di rete” intermodale atteso su tutto il sistema di trasporto urbano ed extra-urbano, con benefici ambientali significativi che rendono più forte l’impronta sostenibile della città di Milano: la linea permetterà una riduzione del traffico in città di circa 16 milioni di veicoli ogni anno, con una contrazione annuale delle emissioni di CO2 fino a 54mila tonnellate.
(ITALPRESS).

Coronavirus, 1.434 nuovi positivi in 24 ore

By RadioItaliaAnni60tv on 9 Settembre 2020 in TOP NEWS

ROMA (ITALPRESS) – Sono 1.434 i nuovi contagi da Coronavirus in Italia registrati nelle ultime 24 ore, e 14 i decessi che portano il totale delle vittime a 35.577. E’ quanto si legge nel bollettino del ministero della Salute e della Protezione Civile. Nelle ultime 24 ore sono stati eseguiti 95.990 tamponi, per un totale di 9.460.203 da inizio emergenza.
Il totale dei dimessi/guariti è di 211.272 (+471), mentre il totale degli attuali positivi è di 34.734 (+945). Attualmente sono 1.778 i ricoverati con sintomi, di questi 150 si trovano in terapia intensiva, mentre in isolamento domiciliare ci sono 32.806 persone.
Le regioni dove è stato registrato il maggior numero di nuovi casi, nelle ultime 24 ore, sono la Lombardia (218), la Campania (203), poi Lazio (175), Piemonte (112) ed Emilia Romagna (110).
(ITALPRESS).