Giorno: 15 Settembre 2020

Scuola, Azzolina “Bilancio positivo sulla riapertura”

By RadioItaliaAnni60tv on 15 Settembre 2020 in TOP NEWS

ROMA (ITALPRESS) – “Per ora il bilancio è positivo, siamo molto soddisfatti. Sapevamo che ci sarebbero state delle difficoltà, ma le ansie si sono trasformate in emozioni il primo giorno di scuola”. Lo ha detto Lucia Azzolina, ministra dell’Istruzione, durante “Cartabianca” in onda su RaiTre, in merito alla riapertura delle scuole.
“La misurazione della temperatura a casa è un qualcosa di studiato e ponderato. Se un bambino sta male, non ho nessun motivo per mandarlo in un autobus. Ha più senso che resti a casa. La scelta è stata condivisa da tutte le Regioni. Tutta l’estate abbiamo fatto tavoli regionali: il Piemonte non ha partecipato. Cinque giorni prima della riapertura nessuno aveva capito in Piemonte”, ha aggiunto.
“Io penso che il commissario Arcuri stia facendo un grande lavoro. Stiamo recuperando un largo ritardo: io so benissimo che arredi c’erano in classe. Chiedo soltanto un pò di pazienza per i banchi monoposto. Li abbiamo ordinati per tutta Italia. Non si può pensare di mandare i nostri figli in ambienti decadenti”, ha sottolineato la ministra.
(ITALPRESS).

Mes, Zingaretti “Non arretreremo, nessuno dica che è un capitolo chiuso”

By RadioItaliaAnni60tv on 15 Settembre 2020 in TOP NEWS

ROMA (ITALPRESS) – “Dire no al Mes significa dire no a qualcosa che c’era in passato. Così come è adesso invece il Mes è un’opportunità che se viene accesa l’Italia ci guadagna e investe nella sanità che è un pilastro dello sviluppo. Noi su questo non arretreremo e nessuno può permettersi di dire che il capitolo è chiuso perchè c’è una maggioranza e un governo e un dibattito politico. Non è chiuso nulla”. Lo ha detto il segretario del Partito Democratico Nicola Zingaretti, intervenendo alla trasmissione Porta a Porta di Bruno Vespa, su Rai1. “Con la stessa intelligenza con cui siamo passati dal dire nel Conte 1 ‘mai con l’Europà a dire ora ‘utilizziamo i fondi del Recovery Fund’ ci vorrebbe la stessa intelligenza e maturità di capire che prima di tutto c’è l’Italia – ha aggiunto -. Daremo battaglia senza alcun dubbio e con la forza degli argomenti”. “Nel Lazio avremo circa il 10% di questi fondi da utilizzare – ha detto ancora il governatore -, che sono una cosa enorme”.
(ITALPRESS).

Medio Oriente, firmati i trattati Israele-Emirati Arabi-Bahrein

By RadioItaliaAnni60tv on 15 Settembre 2020 in TOP NEWS

WASHINGTON (STATI UNITI) (ITALPRESS) – Firmati a Washington “gli accordi di Abramo”, i trattati di normalizzazione dei rapporti tra Israele, Emirati Arabi Uniti e Bahrein. “Questo è un giorno incredibile per il mondo”, ha detto il presidente Usa Donald Trump aprendo la cerimonia.
Trump ha detto che il coraggio dei leader israeliani e arabi ha permesso a questi paesi “di fare un passo importante verso un futuro in cui le persone di tutte le fedi vivono insieme in pace e prosperità”. Il presidente statunitense e il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu si erano incontrati prima della firma degli storici accordi di normalizzazione. Trump ha incontrato anche i ministri degli esteri degli Emirati Arabi Uniti, lo sceicco Abdullah bin Zayed Al-Nahyane e per il Bahrein Abdel Latif al-Zayani.
I due Stati del Golfo diventano ora il terzo e il quarto paese del Medio Oriente a riconoscere Israele e stabilire relazioni diplomatiche formali con lo Stato ebraico, dopo l’Egitto che lo aveva fatto nel 1979 e la Giordania nel 1994, ridisegnando drasticamente la mappa politica della regione.
Netanyahu ha ricordato che gli ebrei hanno pregato per la pace per migliaia di anni e lo Stato di Israele per decenni, e questo giorno “porta speranza a tutti i figli di Abramo. “Questa pace alla fine si espanderà fino a includere altri stati arabi e, infine può porre fine al conflitto arabo-israeliano una volta per tutte”, ha aggiunto.
Lo sceicco Abdullah bin Zayed ha espresso sentimenti simili: “Stiamo assistendo oggi a una nuova tendenza”, e ha ringraziato Netanyahu per “aver fermato l’annessione dei territori palestinesi”.
Allo stesso modo, il ministro degli Affari Esteri del Regno del Bahrein, Shaikh Khalid Bin Ahmed Bin Mohamed Al Khalifa, ha parlato della fine del conflitto israelo-palestinese.
“L’accordo di oggi è un primo passo importante”, ha detto. “Ora tocca a noi realizzare la pace e la sicurezza durature che il nostro popolo merita: una soluzione per due Stati giusta, globale e duratura al conflitto palestinese sarà il fondamento di tale pace. Abbiamo dimostrato oggi che un tale percorso è possibile”, ha concluso.
(ITALPRESS).

Conte “A casa se perdiamo la sfida del Recovery Fund”

By RadioItaliaAnni60tv on 15 Settembre 2020 in TOP NEWS

NORCIA (PERUGIA) (ITALPRESS)- Una visita a sorpresa, un vero e proprio blitz in una scuola di Norcia, la cittadina umbra colpita dal terremoto nel 2016. Questa mattina il premier Giuseppe Conte ha incontrato gli alunni dell’Istituto tecnico e Liceo Classico “Roberto Battaglia”. Una visita che giunge il giorno dopo l’inaugurazione della scuola, danneggiata dal sisma che ha colpito la zona. Per la prima volta dopo 4 anni, gli studenti sono tornati nel loro istituto dopo avere frequentato una scuola di lamiera, un container modificato per accogliere gli alunni. Accompagnato dal commissario per la ricostruzione Giovanni Legnini, Conte è stato accolto dal sindaco di Norcia Nicola Alemanno, dalla preside Rossella Tonti e dal capo della Protezione civile Angelo Borrelli. Nel corso della sua visita ha incontrato studenti e docenti, anche coloro che a gennaio scorso avevano manifestato dinanzi Palazzo Chigi per richiedere una maggiore attenzione verso la loro scuola e per dare un’accelerazione ai lavori di ricostruzione. Intrattenendosi con gli studenti, il presidente del Consiglio ha parlato di diversi argomenti, dalle sue passioni studentesche, confessando il suo amore per la filosofia, fino agli aiuti che arriveranno da Bruxelles: “Se il governo perde la sfida del Recovery Fund – ha detto rivolgendosi agli alunni – avete il diritto di mandarci a casa”.
“Questi – ha proseguito – sono i giorni della ripartenza: questo è l’anno della speranza. Avete il diritto di pretendere il meglio, dobbiamo dedicare il massimo sforzo per voi”. Conte ha poi spiegato le ragioni della sua visita: “”Questa è una comunità doppiamente sofferente per il sisma e per il Covid. Per questo ho voluto dedicare la mia prima uscita a voi. E’ un fatto non solo simbolico, ma di sostanza, c’è la vicinanza del Governo a questa comunità”.
(ITALPRESS).

Apre a Roma la mostra su Sordi, viaggio nella villa dell’attore

By RadioItaliaAnni60tv on 15 Settembre 2020 in TOP NEWS

ROMA (ITALPRESS) – A marzo l’esplosione della pandemia l’aveva bloccato, a distanza di sei mesi può finalmente aprirsi al pubblico la villa di Alberto Sordi il grande attore romano che aveva scelto le Terme di Caracalla come affaccio verso la sua città. Visitata questa mattina dal sindaco di Roma, Virginia Raggi, accompagnata dal curatore Alessandro Nicosia, la mostra dedicata “all’americano a Roma” aprirà da domani al pubblico. “Il Centenario – Alberto Sordi 1920-2020” il titolo della mostra, che si svolge nell’anno in cui si celebrano i 100 anni dalla nascita.
L’esposizione si snoda tra i vari ambienti della casa, per la prima volta aperta al pubblico, due tensostrutture di oltre 800 mq create per l’occasione e il Teatro dei Dioscuri al Quirinale: spazi lungo i quali si distende l’intero racconto che ci fa rivivere la lunga carriera dell’attore e allo stesso tempo ci fa scoprire il Sordi privato, attraverso oggetti, immagini, video, abiti, curiosità, documenti inediti. Un’esposizione finalizzata a restituirci il ritratto di un uomo e di un artista, lasciando emergere le sue poliedriche capacità professionali maturate in sessanta anni di carriera – è stato doppiatore, cantante, compositore, musicista, giornalista, attore, sceneggiatore, regista – ma anche la sua personalità, i tratti del suo carattere e il suo modo di essere nella vita pubblica e privata.
“Potremo finalmente entrare a casa di Alberto Sordi – ha detto la sindaca – vedere quali sono i luoghi della sua vita e gli oggetti che hanno caratterizzato il suo essere e la sua capacità di portare sullo schermo la romanità per farci ridere e riflettere sulle caratteristiche dei romani. Insieme alla fondazione possiamo annunciare anche una bella novità che è quella di dedicare in modo permanente la sala teatro, il cinema della casa, alla proiezione di film di Alberto Sordi in modo tale da avere un punto di contatto costante tra la città, l’attore e la sua opera che è davvero preziosa e immortale”. La mostra si apre nel cinema-teatro che si trova all’ingresso della villa per poi proseguire verso la palestra, con il toro meccanico con cui Sordi faceva a gara con gli amici, la bicicletta, con cui andava in giro, la cyclette, e tanti altri attrezzi sportivi, nei saloni, con i bellissimi De Chirico che Sordi aveva acquistato direttamente dal pittore, suo amico. Al piano superiore si potrà vedere il suo studio, allestito così come lui lo aveva lasciato, la sua camera da letto, dove muore nel febbraio 2003, e ancora la curiosa e unica barberia.
(ITALPRESS).

Kamna vince la 16^ tappa del Tour de France, Roglic sempre in giallo

By RadioItaliaAnni60tv on 15 Settembre 2020 in TOP NEWS

VILLARD DE LANS (FRANCIA) (ITALPRESS) – Lennard Kamna si è aggiudicato la sedicesima tappa del Tour de France 2020 da La Tour du Pin a Villard de Lans di 164 chilometri. Una frazione ricca di asperità, seppur nessuna di queste di eccessiva difficoltà, che sorride così al corridore tedesco della Bora-Hansgrohe, protagonista di un allungo nel finale che gli vale il successo di giornata, ottenuto staccando Richard Carapaz nel tratto finale del Montee de Saint Nizier du-Moucherotte. Primoz Roglic (Jumbo-Visma) difende agevolmente la maglia gialla e resta invariato il distacco nei confronti dell’altro sloveno Tadej Pogacar: per lo scalatore dell’Uae Emirates sono 40″ i secondi da recuperare in classifica generale; resta in terza posizione Rigoberto Uran. Domani in programma la 17esima tappa dell’edizione numero 107 della Grande Boucle, la Grenoble-Meribel Col de la Loze. Due le ascese di giornata, ma entrambe di Hors Categorie: prima il Col de la Madeleine, quindi la salita finale fino al traguardo posto in quota. Sarà senz’altro una delle ultime opportunità per assistere a degli scossoni nella lotta tra i big.
(ITALPRESS).

Coronavirus, 1.229 nuovi positivi in 24 ore

By RadioItaliaAnni60tv on 15 Settembre 2020 in TOP NEWS

ROMA (ITALPRESS) – Sono 1.229 i nuovi contagi da Coronavirus in Italia registrati nelle ultime 24 ore, e 9 i decessi che portano il totale delle vittime a 35.633. Nelle ultime 24 ore sono stati eseguiti 80.517 tamponi, per un totale di 9.943.944 da inizio emergenza. E’ quanto si legge nel bollettino del ministero della Salute e della Protezione Civile di martedì 15 settembre. Il totale dei dimessi/guariti è di 214.645 (+695), mentre il totale degli attuali positivi è di 39.712 (+525). Attualmente sono 2.222 i ricoverati con sintomi, di questi 201 (+4) si trovano in terapia intensiva, mentre in isolamento domiciliare ci sono 37.289 persone. Le regioni dove è stato registrato il maggior numero di nuovi casi, nelle ultime 24 ore, sono Lombardia (176), Liguria (141), Lazio (139), Campania (136) ed Emilia-Romagna (125).
(ITALPRESS).

Grillo “Iniziare a ragionare sul reddito universale”

By RadioItaliaAnni60tv on 15 Settembre 2020 in TOP NEWS

ROMA (ITALPRESS) – “Dobbiamo iniziare a ragionare su un reddito universale incondizionato senza ricatti di lavoro. Un reddito, non un piatto di minestra, è una grande battaglia insieme all’istruzione, siamo le migliori menti nel mondo”. Lo ha detto il leader del M5S, Beppe Grillo, intervenendo, in diretta streaming, nel corso di un incontro sull’energia. “A questa sinistra fategli capire che ci sono le idee”, ha aggiunto.
“La sinistra ha poche idee, la destra non ce l’ha, noi ne abbiamo qualcuna. Mettiamo insieme tute le forze e iniziamo da questo”, ha sottolineato Grillo. “Lo Stato deve diventare una buona cosa, non una cosa che prende per il culo gli italiani come ha sempre fatto. Lo Stato oggi deve entrare, deve diventare la linea guida”, ha aggiunto.
(ITALPRESS).