Giorno: 16 Settembre 2020

Berrettini, Sinner e Travaglia agli ottavi degli Internazionali

By RadioItaliaAnni60tv on 16 Settembre 2020 in TOP NEWS

ROMA (ITALRPESS) – Matteo Berrettini e Jannik Sinner si qualificano per gli ottavi di finale degli Internazionali d’Italia, in corso sulla terra battuta del Foro Italico di Roma. Il tennista romano, testa di serie numero 4 e ottavo del ranking Atp, dopo il bye all’esordio ha sconfitto al secondo turno l’argentino Federico Coria con il punteggio di 7-5 6-1. Prossimo avversario, per un derby tutto azzurro, Stefano Travaglia, che ha battuto il croato Borna Coric per 7-6(2) 7-5. Il ‘Next Gen’ altoatesino firma invece l’impresa di giornata, fermando il greco Stefanos Tsitsipas, numero 6 del mondo e terza forza del seeding, per 6-1 6-7(9) 6-2. Salvatore Caruso esce invece di scena al secondo turno: il tennista siciliano si è arreso per 6-3 6-2 al serbo Novak Djokovic, numero uno del ranking Atp e del tabellone. E anche un altro isolano, il palermitano Marco Cecchinato, deve salutare il Foro Italico, messo al tappeto per 6-4 6-1 al serbo Filip Krajinovic. Out al secondo turno, tra le donne, anche Jasmine Paolini, eliminata per 6-3 6-4 dalla rumena Simona Halep, testa di serie numero 1.
(ITALPRESS).

Amadeus “Sanremo è una certezza, si farà”

By RadioItaliaAnni60tv on 16 Settembre 2020 in TOP NEWS

MILANO (ITALPRESS) – “Sanremo è una certezza. Non voglio nemmeno pensare che non possa esserci, perchè è la normalità, e noi tutti abbiamo bisogno di tornare alla normalità, perchè un Sanremo con il teatro Ariston vuoto non è il Festival che vogliamo”.
Così Amadeus, in un’intervista al settimanale Oggi.
“Il prossimo Festival sarà quello della rinascita, farà da ponte con quello che abbiamo vissuto e ci riporterà nella normalità. E spero proprio che Fiorello sia accanto a me. Non gliel’ho chiesto perchè non ce n’è bisogno: se avrà piacere di esserci ci sarà. La nostra amicizia prevale su tutto e tutti”, aggiunge.
Amadeus torna anche sull’edizione passata: “Confesso che dopo averlo fatto ero convinto di non voler ripetere l’esperienza, proprio perchè so che è impossibile rifare quegli ascolti. Pentito delle scelte sulle donne che ha fatto per lo scorso Sanremo? Non mi sono pentito di nulla. Volevo tante sfaccettature femminili e le ho avute. Ho fatto scelte oneste e rispettose, poi le strumentalizzazioni ci sono sempre”.
Dopo aver raccontato le preoccupazioni familiari passate a causa del Covid (“Mio figlio Josè era molto cambiato nel lockdown. Non faceva che mangiare, era nervoso. Poi, finita l’emergenza, è tornato quello di sempre. Siamo stati molto in ansia per Alice (la sua prima figlia, ndr), che ho potuto rivedere solo a luglio, dopo cinque mesi. Lavora in Galizia”), Amadeus mostra ottimismo per “I soliti ignoti”, dopo la positività di uno degli autori: “Ho fatto il tampone e sono negativo. E’ importante accertarsi con i tamponi che tutti i collaboratori stiano bene e sanificare tutto. Questa settimana abbiamo sospeso le registrazioni ma riprenderemo a breve. Non salteremo puntate, sono in onda quelle che avevamo già registrato”.
(ITALPRESS).

Il Covid ha bloccato la crescita del numero di imprese guidate da donne

By RadioItaliaAnni60tv on 16 Settembre 2020 in TOP NEWS

TORINO (ITALPRESS) – In Italia, 1.340.000 imprese sono guidate da donne: il 22% del totale, cresciute negli ultimi 5 anni a un ritmo molto più intenso di quelle maschili (+2,9% vs +0,3%), con un aumento in valore assoluto più del triplo (+38.080 vs +12.704). La pandemia ha tuttavia bloccato questa crescita (-10.000 le iscrizioni di nuove aziende guidate da donne tra aprile e giugno rispetto allo stesso trimestre del 2019), a testimonianza del fatto che il peso più rilevante in quelle fasi difficili è ricaduto e ricade sulle spalle delle donne (fonte: IV Rapporto sull’imprenditoria femminile, Unioncamere – luglio 2020).
Per valutare gli effetti dell’emergenza sanitaria e analizzare le principali strategie attivate per affrontare e gestire la crisi economica, la Direzione Studi e Ricerche di Intesa Sanpaolo ha coinvolto 90 imprese selezionate per il premio Women Value Company in un’indagine ad hoc, da cui sono emersi alcuni approfondimenti oggi rappresentati da Stefania Trenti, Responsabile Industry Research, nel corso di un webinar, organizzato insieme alla Fondazione Marisa Bellisario,
Tre champion dell’imprenditoria italiana – Marilisa Allegrini, Federica Lucisano, Silvia Merlo – hanno offerto spunti e riflessioni sulle nuove sfide delle strategie aziendali, a partire dalle proprie esperienze professionali, in una tavola rotonda moderata da Maria Latella.
Le finalità del Premio sono quelle di dare voce e visibilità a tutte quelle piccole e medie imprese che ogni giorno mettono al centro le persone e il merito, e raccontare e portare ad esempio le storie, le esperienze d’eccellenza, i successi di una moltitudine di imprenditori e imprenditrici di generazioni diverse, che hanno capito che investire sulle donne, sulla gender equality e sul welfare vuol dire apportare energia vitale non solo alla propria azienda, ma a tutto il sistema Paese.
Nel medio termine, sono quattro le priorità, individuate dalle imprese a guida femminile intervistate, per rispondere agli shock: la digitalizzazione, da accompagnare con nuove modalità organizzative; la solidità patrimoniale, con la giusta attenzione al risk assessment; il capitale umano, valorizzato attraverso la formazione, la selezione e il welfare aziendale; la sostenibilità.
Secondo Lella Golfo, presidente della Fondazione Marisa Bellisario, “in un momento tanto difficile per l’economia italiana e mondiale è ancora più importante puntare i riflettori sulle donne, sulle imprenditrici e lavoratrici, sulla loro forza e resilienza. Il bando della IV edizione di Women Value Company è partito a febbraio, quando nessuno immaginava i terribili sconvolgimenti che sarebbero seguiti e sono felice e grata a Intesa Sanpaolo di aver condiviso la volontà di confermare un appuntamento tanto importante e ormai di consolidato successo.La ri-partenza che tutti vogliamo, inizia da qui: dalle capitane coraggiose e dalle PMI che hanno scelto di investire sul capitale di talento e competenze delle donne”.
“Con Women Value Company, nato quattro anni fa nel solco del prestigioso premio in memoria di Marisa Bellisario – afferma Stefano Barrese, responsabile Divisione Banca dei Territori Intesa Sanpaolo -, siamo orgogliosi di aver messo in luce le storie di oltre 2.000 imprese, che puntano sulle donne, sulla parità di genere e sul welfare come risorse su cui investire per crescere. Il senso di questo progetto, che è parte fondante del nostro programma di valorizzazione dell’imprenditoria italiana, è accelerare l’empowerment femminile e contribuire alla più ampia diffusione di una cultura aziendale inclusiva”.
Per valorizzare le donne, il 54% dell’intera popolazione aziendale, Intesa Sanpaolo ha introdotto strumenti concreti come un KPI (obiettivo gestionale) specifico per premiare i manager attenti all’equità di genere, oltre a programmi di accelerazione delle carriere femminili e specifici percorsi di crescita professionale per favorire la formazione e l’inclusione; il sistema integrato di welfare si è evoluto negli anni, con un’ampia gamma di soluzioni: banca del tempo, asili nido aziendali, permessi più ampi per maternità/paternità, smart working, orari flessibili in entrata e uscita, part-time.
Per questo Intesa Sanpaolo è stata anche inserita nell’indice 2020 “Bloomberg Gender-Equality Index” (GEI), che valuta l’impegno e le azioni delle principali società quotate a livello globale. E’ inoltre riconosciuta da Equileap Research al secondo posto nella top 5 del FTSE MIB 40 nella classifica “2020 Gender Equality in Spain, Italy and Greece” e inserita al 76° posto nel Diversity & Inclusion Index di Refinitiv, indice internazionale che identifica le 100 aziende al mondo quotate in borsa – su 7000 analizzate – con i luoghi di lavoro più inclusivi, sulla base dei fattori ambientali, sociali e di governance (ESG).
La speciale “Mela d’Oro” Women Value Company Intesa Sanpaolo sarà assegnata a una piccola e a una media impresa durante la cerimonia della XXXII edizione del Premio Marisa Bellisario “Donne ad alta quota”, che andrà in onda il 17 ottobre su Raiuno.
(ITALPRESS).

Coronavirus, aumentano nuovi positivi e tamponi

By RadioItaliaAnni60tv on 16 Settembre 2020 in TOP NEWS

ROMA (ITALPRESS) – Sono 1.425 i nuovi contagi da Coronavirus in Italia registrati nelle ultime 24 ore, e 12 i decessi che portano il totale delle vittime a 35.645. Nelle ultime 24 ore sono stati eseguiti 100.607 tamponi (in aumento rispetto ai 80.517 di ieri), per un totale di 10.044.551 da inizio emergenza. E’ quanto si legge nel bollettino del ministero della Salute e della Protezione Civile di oggi.
Il totale dei dimessi/guariti è di 215.265 (+620), mentre il totale degli attuali positivi è di 40.532 (+820). Attualmente sono 2.285 i ricoverati con sintomi, di questi 207 si trovano in terapia intensiva, mentre in isolamento domiciliare ci sono 38.040 persone.
Le regioni dove è stato registrato il maggior numero di nuovi casi, nelle ultime 24 ore, sono Campania (186), Lazio (165), Lombardia e Veneto (159), Piemonte (117), Emilia Romagna (106).
(ITALPRESS).

Lopez vince la 17^ tappa del Tour de France, Roglic sempre leader

By RadioItaliaAnni60tv on 16 Settembre 2020 in TOP NEWS

MERIBEL (FRANCIA) (ITALPRESS) – Miguel Angel Lopez si è aggiudicato la diciassettesima tappa del Tour de France 2020 da Grenoble a Meribel Col de la Loze, frazione di 170 chilometri con due GPM di Hors Categorie a movimentare la corsa. Proprio nell’ultima salita di giornata il corridore colombiano dell’Astana è riuscito a staccare tutti ed è andato a vincere in solitaria su uno dei percorsi più duri di questa edizione numero 107. Precedentemente, una fuga con Alaphilippe e Carapaz aveva caratterizzato la fase centrale di una tappa che sorride ulteriormente a Primoz Roglic: la maglia gialla non tiene le ruote di Lopez, che da oggi è sul podio virtuale viste le difficoltà di Rigoberto Uran, ma stacca di alcuni secondi il connazionale e secondo in classifica Tadej Pogacar. Domani in programma la diciottesima tappa del Tour della Grande Boucle, da Meribel a La Roche sur-Foron, di 175 chilometri. Cinque GPM, uno di Hors Categorie, e dunque nuovi scenari per la lotta tra gli uomini di classifica.
(ITALPRESS).

Il SalinaDocFest raddoppia, due giorni anche nella Capitale

By RadioItaliaAnni60tv on 16 Settembre 2020 in TOP NEWS

ROMA (ITALPRESS) – Nonostante le difficoltà logistiche ed economiche causate dalla pandemia, l’appuntamento con il SalinaDocFest, festival internazionale del documentario narrativo, raddoppia. La XIV edizione per la prima volta vedrà un’anteprima di due giorni nella Capitale, dal 18 al 20 settembre, per poi spostarsi sull’isola di Salina, dal 24 al 26 settembre.
“Lo zoccolo duro del festival è e rimane il documentario narrativo – ha spiegato Giovanna Taviani, fondatrice e direttrice della manifestazione -. Quest’anno abbiamo scelto il tema dei giovani, in particolare giovani che raccontano altri giovani, quelli che vanno oltre gli episodi di bullismo e di cronaca. I finanziamenti pubblici sono stati molto in forse e nonostante questo abbiamo raddoppiato con una grande anteprima portando il festival a Roma”.
A dare sostegno al festival ci sarà la Banca del Fucino (Gruppo Bancario Igea Banca): “Quando ho incontrato Giovanna Taviani prima dell’estate – ha raccontato il direttore generale Francesco Maiolini – era molto preoccupata perchè i finanziamenti pubblici non erano stati ancora deliberati, il turismo aveva fatto mancare il supporto al festival, per ovvie ragioni. Stiamo facendo un’esperienza che abbiamo già sperimentato con il Teatro dell’Opera di Roma: sponsorizzare il teatro vuoto – ha detto Maiolini -. Se ci si pensa potrebbe essere un’operazione discutibile ma bisogna avere la forza, in questo momento, di sponsorizzare i teatri vuoti affinchè si riempiano, cercare di guardare oltre. Oggi la sponsorizzazione deve essere un mezzo per ripartire”.
Lo spettacolo e la cultura devono essere il volano per un rilancio del sistema Italia, secondo Mauro Masi, presidente della Banca del Fucino: “Noi crediamo molto al sostegno alla cultura, allo spettacolo e alle arti del nostro Paese. E’ importante non soltanto per i valori culturali e sociali ma anche sotto l’aspetto economico. E’ una convinzione che abbiamo come Banca del Fucino e il sostegno a questo festival ne è la conferma”.
Nelle tre mattinate del Festival saranno proiettati i 6 documentari in concorso, alla presenza dei registi.
“Movida” di Alessandro Padovani e “Blocconove” di Michele Silva, Federico Frefel e Lèa Delbès, saranno le due anteprime mondiali del festival.
Il festival sarà anche l’occasione per ricordare un grande regista italiano come Ettore Scola, e proprio su di lui sarà incentrato il documentario “Ridendo e scherzando. Ritratto di un regista all’italiana” delle figlie Paola e Silvia Scola che saranno accompagnate da Pierfrancesco Diliberto, in arte PIF, e che sarà proiettato il 20 settembre, nella serata conclusiva di Roma.
(ITALPRESS).

Mario Rosario Morelli nuovo presidente della Corte Costituzionale

By RadioItaliaAnni60tv on 16 Settembre 2020 in TOP NEWS

ROMA (ITALPRESS) – Mario Rosario Morelli è il nuovo presidente della Corte Costituzionale. Succede a Marta Cartabia, prima donna a ricoprire questo incarico. Lo ha eletto il plenum della Corte con nove voti a favore; cinque sono andati a Giancarlo Coraggio e uno a Giuliano Amato. Giudice costituzionale dal 2011,
resterà in carica per soli tre mesi perchè il 12 dicembre scade il suo mandato. “Nella nomina del presidente della Corte Costituzionale c’è una lunga tradizione. Vivo questo palazzo da 50 anni, spesso la Corte di fronte a un frammento di durata del presidente che sfiora il mese, sottolinea come sia da confermare il caso di principio”, ha detto nel corso della conferenza stampa. “In tre mesi non si può fare quello che si può fare in tre anni, ma assicura alla corte indipendenza”, ha aggiunto.
Morelli non nasconde le criticità “ma cercherò di portare avanti, nel più breve tempo possibile, tutti i progetti. La collegialità è la risposta agli inconvenienti legati al breve termine”.
Il presidente ha poi annunciato di avere “già nominato due vicepresidenti che mi seguono per anzianità: uno, Giancarlo Coraggio, sarà probabilmente il prossimo presidente, l’altro è Giuliano Amato”. Morelli fu il giudice che emise la sentenza sul caso di Eluana Englaro e, sul tema dei diritti, ha spiegato che “è un dato acquisto che i quelli fondamentali della persona non sono solo elencati dalla Costituzione, ma emergono dalla coscienza sociale con carattere di analogia. C’è una classe di diritti che noi dobbiamo far rispettare che nascono dal basso, richiesti dalla coscienza sociale. La Corte è aperta nel momento in cui emerge un nuovo diritto, che automaticamente rientra in quelli inviolabili”. Il presidente della Corte Costituzionale non si sbilancia sul referendum del 20 e 21 settembre, ma precisa che la riforma sul taglio dei parlamentari “incide sulla Costituzione in maniere relativa e va completata”.
(ITALPRESS).