Categoria: NOTIZIE DALLA REDAZIONE

EDITORIA: SCIOPERO IN “POLIGRAFICI” DOPO MORTE OPERAIO

By RadioItaliaAnni60tv on 30 Ottobre 2019 in NOTIZIE DALLA REDAZIONE

In seguito ad uno sciopero indetto improvvisamente nella tarda serata di ieri dai sindacati dei lavoratori dei centri stampa della Poligrafici editoriale di Bologna e Firenze, diverse edizioni dei quotidiani del Gruppo non sono in edicola questa mattina. L’iniziativa è stata presa dopo la morte, ieri, di un lavoratore di 61 anni, ricoverato in ospedale a Modena. L’addetto, in servizio al centro stampa di Bologna, mercoledì scorso si era infortunato seriamente a una mano, finita in un macchinario. Le sue condizioni si sono aggravate in ospedale, per complicanze cardiache, dopo due interventi a cui è stato sottoposto per la ricostruzione della mano. In conseguenza dello sciopero non sono uscite le edizioni della Nazione e del Resto del Carlino, a parte Reggio Emilia, Rimini e quelle delle Marche e le pagine nazionali. Sono regolarmente uscite invece le edizioni de Il Giorno, mentre non sono uscite anche altri giornali come La Gazzetta di Parma, stampata a Bologna, Il Tirreno e alcune edizioni della Repubblica, stampate a Firenze.

BOLOGNA: SELFIE LUNGO L’ALTA VELOCITA’, PROTAGONISTI 4 MINORENNI

By RadioItaliaAnni60tv on 29 Ottobre 2019 in NOTIZIE DALLA REDAZIONE

Una sfida contro la morte, la ragazzata di chi si annoia, l’ebbrezza del proibito, l’imbecillità. Chiamatela come vi pare ma fa certamente effetto l’immagine diffusa dalla polizia ferroviaria di Bologna: è un giorno qualsiasi della scorsa settimana, siamo lungo l’Alta Velocità al bivio Santa Viola, prima periferia del capoluogo emiliano. Sono tante in quel punto le telecamere della videosorveglianza, costantemente monitorate dal personale della Polfer: lì diverse volte sono entrati in azione gli anarchici, appiccando incendi a cabine di controllo degli scambiatori, mettendo di fatto in tilt in traffico ferroviario nello snodo principale nord-sud italiano. Gli agenti si sono trovati a guardare quattro giovani, quelli del fotogramma diffuso, intenti a farsi un selfie aspettando l’arrivo di un treno superveloce. A notarli per primo il macchinista di un Frecciargento, il numero 8523, che stava percorrendo in tratto Bologna-Milano: è stato lui a fermare il convoglio – che in quel punto per fortuna non è alla massima velocità – e a rincorrerli riuscendo ad acciuffarne uno e a spedirlo davanti ai poliziotti della ferroviaria: tutti minorenni, lui e gli altri tre sodali, all’unico fermato è stata fatta – non è imputabile – una ramanzina prima di essere riaffidato ai genitori. I quali, si spera, lo puniscano a dovere. Purtroppo non si tratta di un episodio isolato: a Borgo Panigale la settimana precedente un gruppo di minori aveva tenuto lo stesso comportamento, notato da un agente Polfer, che era intervenuto identificandone alcuni, che sono poi stati sanzionati.

BOLOGNA: INDOSSO’ MAGLIETTA A PREDAPPIO, A PROCESSO

By RadioItaliaAnni60tv on 28 Ottobre 2019 in NOTIZIE DALLA REDAZIONE

Inizierà il 20 marzo il processo a Selene Ticchi D’Urso, militante di Forza Nuova che il 28 ottobre di un anno fa indossò la maglietta con la scritta ‘Auschwitzland’ durante il raduno dei ‘nostalgici’ a Predappio (Forlì-Cesena) e per questo motivo finì indagata dalla Procura forlivese. Il processo è la conseguenza dell’opposizione fatta da Ticchi al decreto penale di condanna a quattro mesi, commutati in una multa di 9.050 euro, emesso dal Gip. È la stessa militante, che sarà difesa dall’avvocato Daniele D’Urso, a dare notizia dell’opposizione e della data dell’udienza. Ticchi, dopo il 28 ottobre scorso, è stata sospesa per sette mesi da Fn, poi da giugno è stata reinserita nel ruolo di coordinatore del dipartimento femminile di Bologna e responsabile bolognese per l’associazione Evita Peron. Nelle scorse settimane Facebook ha chiuso il suo profilo personale e quello dell’associazione, di cui era amministratrice.

COMMERCIO: IL METEO ANOMALO E’ MANNA PER VENDITE IN E-R

By RadioItaliaAnni60tv on 25 Ottobre 2019 in NOTIZIE DALLA REDAZIONE

Quasi due terzi degli operatori emiliano-romagnoli nel settore dell’abbigliamento, il 63%, segnalano un inizio autunno stabile riguardo alle proprie vendite. Un dato che riflette il perdurare della bella stagione che ha favorito il successo di tute, felpe e magliette, ritardando il passaggio ai capi pesanti. È quando emerge da un’indagine di Confcommercio Emilia-Romagna e Iscom Group: “L’avvio dell’anno scolastico evidenzia uno scenario di sostanziale stabilità per il nostro settore”, conferma il presidente di Federmoda regionale Marco Cremonini. Lo scontrino medio resta simile all’anno scorso e si attesta per l’abbigliamento uomo/donna/bambino tra i 60 e i 65 euro. Il 16% degli operatori specializzati bambini ha segnalato un aumento della spesa rispetto al 2018, mentre la spesa media per famiglia varia tra i 120 e i 130 euro. Anche per il comparto abbigliamento si conferma la polarizzazione degli acquisti o verso prodotti di qualità e alla moda o verso i prodotti di tutti i giorni, più sensibili al prezzo. Cresce negli anni la quota di operatori che segnalano un aumento costante delle vendite online anche nell’abbigliamento.

INFLUENZA: IN E-R PARTE LA CAMPAGNA VACCINALE

By RadioItaliaAnni60tv on 24 Ottobre 2019 in NOTIZIE DALLA REDAZIONE

Nonostante l’inganno del meteo e delle temperature ben sopra la media, gli esperti parlano di arrivo anticipato della classica influenza stagionale; e per questo l’Emilia-Romagna ha deciso di partire per tempo, mettendo in distribuzione tra ambulatori e aziende Usl 1 milione di vaccini; dal 28 ottobre partirà poi la campagna informativa. L’obiettivo è aumentare la copertura dopo che l’anno scorso erano state quasi 580mila le persone colpite dall’influenza in tutta la regione, con un picco di casi gravi (172), per gran parte persone non vaccinate. L’obiettivo è confermare e magari migliorare i dati del 2018: 785.953 le persone che avevano scelto di vaccinarsi (il 17,6% della popolazione complessiva), con un +7% rispetto all’anno precedente. In crescita anche la copertura per gli operatori sanitari, passata al 39,5%. Il vaccino è gratuito, fra gli altri, per le donne in gravidanza, adulti e bambini con patologie croniche, anziani a partire dai 65 anni, operatori sanitari e socio-sanitari, addetti ai servizi essenziali, donatori di sangue. Tra le categorie considerate a rischio, un lieve trend in crescita si e’ registrato anche negli over 65: vaccinato lo scorso anno il 54,6%, siamo ancora lontani dall’obiettivo del 75% previsto a livello nazionale. L’invito di viale Aldo Moro è quello di vaccinarsi per tempo, il vaccino per avere pieno effetto necessita di un tempo di incubazione.

REGGIO EMILIA: BIMBO DI 12 ANNI FA ARRESTARE PADRE VIOLENTO

By RadioItaliaAnni60tv on 22 Ottobre 2019 in NOTIZIE DALLA REDAZIONE

Il coraggio di un ragazzino di 12 anni ha consentito ai carabinieri di arrestare il padre. E’ stato il giovane figlio, infatti, stanco di veder picchiare la madre, a chiamare il 112. È successo a Novellara, nella Bassa Reggiana. Protagonista della vicenda di violenza domestica è una famiglia straniera (per tutelare la privacy dei minori, gli inquirenti non hanno diffuso la nazionalità) e in particolare il primogenito di due figli, che nel cuore della notte del 29 agosto si è svegliato per le urla provenienti dalla stanza da letto dei genitori. E dopo che, per l’ennesima volta, ha visto il proprio genitore, 40 anni, prendere a calci, pugni e schiaffi la madre 35enne, non ha esitato a comporre il numero dei militari. Arrivati sul posto, i militari hanno trovato l’uomo in strada, ubriaco, che si giustificava così: “Nel sonno ho dato dei calci a mia moglie per sbaglio, tutto qui…”. Una versione alla quale gli investigatori non hanno creduto, avviando le indagini. E da quanto è emerso dall’inchiesta coordinata dal sostituto procuratore Valentina Salvi, le vessazioni fisiche e morali con pesanti insulti e minacce, anche nei confronti del ragazzino stesso, in un episodio addirittura brandendo un’ascia in mano – andavano avanti dal 2013. A quel punto il pm ha chiesto l’arresto e il gip Luca Ramponi ha ordinato ieri l’esecuzione della custodia cautelare in carcere. L’uomo è accusato di maltrattamenti in famiglia, lesioni aggravate personali e violenza sessuale perché, stando a quanto approfondito dalle forze dell’ordine, la costringeva pure ad avere rapporti davanti ai figli, anche pochi giorni dopo il parto. Sul caso sono stati attivati i servizi sociali e i due figli si trovano ora con la madre in una struttura protetta. “Non si tratta di una famiglia nota ai servizi, i quali hanno preso in carico il caso solo dopo la denuncia del bimbo – ha detto all’ANSA il sindaco di Novellara, Elena Carletti – L’arresto ha messo fine a un pericolo. Allontanamento e affido? Non sono ipotesi attualmente sul tavolo, ora dobbiamo renderli sereni e tranquilli. Il fatto che apparentemente fosse una famiglia ‘perfetta’ è preoccupante, perché significa che le violenze domestiche non ci sono solo in situazioni di emarginazione conclamata. Nelle prossime ore deciderò se incontrare la famiglia, ma ho fiducia negli assistenti sociali”.

INCIDENTI STRADALI, ASAPS: 24 MORTI FINORA IN OTTOBRE

By RadioItaliaAnni60tv on 21 Ottobre 2019 in NOTIZIE DALLA REDAZIONE

Sono stati 27 nei primi tre fine settimana di ottobre – nelle 16 ore che vanno dalle 22 del venerdì alle 6 del sabato e dalle 22 del sabato alle 6 della domenica – gli incidenti stradali con vittime e feriti gravi che hanno coinvolto giovani e con conducenti sotto i 40 anni. E’ quanto emerge dai dati raccolti dall’Osservatorio Asaps, l’Associazione Sostenitori ed Amici della Polizia Stradale, sulle cosiddette stragi del week-end. Nei 27 incidenti si sono contati 24 morti e 46 feriti. Nel dettaglio, riporta l’Asaps, nel primo fine settimana, quello del 5-6 ottobre sono stati registrati 9 incidenti che hanno causato 8 vittime e 23 feriti. Nel secondo fine settimana, quello del 12-13 ottobre sono stati registrati ancora 9 incidenti che hanno causato 11 morti e 11 feriti. Nel terzo fine settimana, quello del 19-20 ottobre sono stati registrati sempre 9 incidenti che hanno causato 5 morti e 12 feriti. A livello geografico dei 27 sinistri 8 sono avvenuti al Nord, 8 al Centro e 11 al Sud. Tra questi ultimi 11, tre sono risultati mortali e con più vittime: due con quattro vittime e uno con due. “L’allentamento dei controlli con la carestia segnalata più volte degli etilometri, solo ora in lenta ripresa – osserva Giordano Biserni, presidente dell’Asaps – la carenza sempre più pronunciata di pattuglie soprattutto su Statali e Provinciali e l’ormai assoluta latitanza di campagne contro l’abuso di alcol e le droghe alla guida completano il quadro motivazionale di questa situazione alla quale si è aggiunto l’uso ormai indiscriminato dei cellulari alla guida sia in fonia e – conclude – ancor più in messaggistica e navigazione sul web”.

BOLOGNA: INVESTI’ CAMIONISTA, VA AI DOMICILIARI

By RadioItaliaAnni60tv on 18 Ottobre 2019 in NOTIZIE DALLA REDAZIONE

Non omicidio volontario, ma l’ipotesi più lieve di omicidio stradale. Così il tribunale della Libertà di Bologna ha valutato l’episodio del 27 settembre a Minerbio, quando Rocco Giulio Capria, camionista 51enne, residente a Rosarno (Reggio Calabria), ha investito e ucciso il collega Rachid Nfir, 47 anni, marocchino, davanti allo zuccherificio Coprob. Nel decidere sul ricorso presentato dal difensore dell’indagato, avvocato Manuela Amore, i giudici hanno dunque riqualificato il reato e sostituito la misura del carcere decisa il 30 settembre dal Gip con gli arresti domiciliari, nella casa familiare in Calabria. Nell’udienza davanti al Gip Capria aveva sostenuto che era stato un investimento accidentale: c’era stata una lite, aveva detto, ma non con la vittima, bensì con un’altra persona che era con lui. Ancora non sono disponibili le motivazioni dell’ordinanza del tribunale.

RIMINI: INSULTI A PROF E COMPAGNI VIA SOCIAL, STUDENTESSA DENUNCIATA

By RadioItaliaAnni60tv on 17 Ottobre 2019 in NOTIZIE DALLA REDAZIONE

Una studentessa di 20 anni è stata denunciata per aver insultato sui social professori e compagni di classe. Secondo i quotidiani riminesi si tratta di una ragazza che frequentava un istituto della città. La giovane, dopo aver creato un profilo Instagram anonimo, dal titolo ‘Casi Umani’, lo aveva riempito di insulti nei confronti di professori, ma anche di qualche compagno. Il profilo, attivato a gennaio, in poco tempo è diventato virale tanto che i professori hanno presentato una denuncia in Procura. La Polizia Postale ha scoperto l’identità della studentessa e l’ha denunciata.

BOLOGNA: MAXI-OPERAZIONE ANTI-DROGA, 18 ARRESTI

By RadioItaliaAnni60tv on 16 Ottobre 2019 in NOTIZIE DALLA REDAZIONE

Si è svolta una maxi-operazione anti-droga da parte di 200 carabinieri di Bologna: con l’impiego di unità cinofile ed elicotteri è stata scoperta una associazione per delinquere finalizzata al traffico internazionale di stupefacenti, con l’esecuzione di 18 misure cautelari e numerose perquisizioni, che hanno interessato non soltanto il territorio nazionale (province di Bologna, Rimini, Ferrara, Ravenna, Modena,Vercelli, Terni e Matera) ma anche Spagna (Barcellona) ed Albania (Valona). Sequestrati oltre 130 kg di stupefacente. Le indagini, sviluppate dalla compagnia carabinieri di Borgo Panigale e coordinate dalla Procura della Repubblica di Bologna, hanno individuato una associazione criminale, composta da italiani, albanesi e nordafricani, operativa nella movimentazione di ingenti quantitativi di marijuana e hashish sull’asse Spagna – Italia, destinati alle piazze di spaccio bolognesi. Sono stati contestati anche i reati di estorsione, detenzione e porto abusivo di armi.