Our News

Latest news from our blog

CORONAVIRUS: ZONE ROSSE, UNIFORMITA’ IN EMILIA-ROMAGNA

CORONAVIRUS: ZONE ROSSE, UNIFORMITA’ IN EMILIA-ROMAGNA

By RadioItaliaAnni60tv on 9 Marzo 2020 in NOTIZIE DALLA REDAZIONE

Il nuovo Dpcm, le ultime misure prese nottetempo dalla presidenza del consiglio dei ministri, ha creato malumori e una coda di polemiche tra il premier Conte, i governatori delle regioni coinvolte e i sindaci dei territori inseriti nelle zone rosse. Un colloquio in video-conferenza ieri sera con i presidenti delle regioni è servito a chiarire molte ambiguità: messa al primo posto la tutela della salute e l’esigenza di contenere la diffusione del Coronavirus, merci e persone potranno continuare a circolare. A patto che questo avvenga per comprovati motivi di lavoro. Difficile da gestire una situazione di questo tipo, anche e soprattutto in Emilia-Romagna, dove 5 province su 9 si trovano coinvolte nella stretta: Piacenza, Parma, Reggio Emilia, Modena e Rimini (off-limits pure la confinante Pesaro-Urbino). E allora Bonaccini, con un messaggio della tarda serata di ieri, ha annunciato misure drastiche: fermo il diritto di circolare per lavoro – a patto ovviamente di essere in buona salute -, i provvedimenti presi per le zone rosse sono estesi da oggi anche alle altre province dell’Emilia-Romagna: quindi, fino al 3 aprile, anche a Bologna, Ferrara, Ravenna e Forlì-Cesena chiuse palestre, centri anziani, centri diurni, piscine e più in generale a tutte le attività ricreative. Rafforzata dunque l’assistenza domiciliare alle fasce deboli della popolazione.