Our News

Latest news from our blog

COVID-19: ALTI DECESSI IN STRUTTURE PER ANZIANI. SVILUPPI NELLE INDAGINI

COVID-19: ALTI DECESSI IN STRUTTURE PER ANZIANI. SVILUPPI NELLE INDAGINI

By RadioItaliaAnni60tv on 18 Novembre 2020 in NOTIZIE DALLA REDAZIONE

Un quarto dei decessi della seconda ondata Covid in Emilia-Romagna proviene dalle case di riposo. I numeri arrivano direttamente da viale Aldo Moro: il 24,9% delle morti avvenute in regione a causa del Coronavirus da inizio ottobre ha riguardato ospiti di strutture per anziani. Il dato complessivo da inizio epidemia e’ invece assai più basso, il 9,6%.

I dati confermano poi come la stragrande maggioranza dei decessi di questa seconda ondata riguardi persone al di sopra dei 70 anni, con il picco maggiore oltre gli 80.

Negli ultimi mesi, le cra e le rsa più colpite sono nelle province di Modena e di Ferrara. Per questo – e non solo – parla di disastro il comitato regionale vittime nelle Rsa, sorto durante la prima ondata dall’iniziativa di parenti che hanno visto i propri cari morire nelle strutture per anziani: una lamentela che riguarda il personale infermieristico, definito carente e sotto pressione.

Ma l’associazione si scaglia in particolare contro il divieto deciso da molte residenze di visita da parte dei familiari, perché è venuto a mancare il controllo, dice con riferimento pure all’ultimo episodio di maltrattamenti in una rsa del bolognese, che ha visto l’intervento dei Nas e l’arresto di 4 persone.

L’attenzione va ai decessi della prima ondata e alle indagini in corso sulle responsabilità.

E’ il comitato stesso a sostenere di avere notizie certe che a Modena ci sarebbero i primi iscritti nel registro degli indagati. Ad oggi pendono ipotesi di reato da approfondire a carico sia di ignoti sia di persone note, a partire dall’omicidio colposo.

Grazie al lavoro dei Carabinieri del Nas di Parma, vagliato insieme ai medici legali fin qui coinvolti come periti, sulle scrivanie dei pm sono arrivate informative fin da giugno e, adesso, si attendono da parte della Procura nuove mosse verso un possibile processo, che potrebbero arrivare a breve.