Our News

Latest news from our blog

FASE2: REGIONI IN PRESSING. BONACCINI: SERVE AUTONOMIA

FASE2: REGIONI IN PRESSING. BONACCINI: SERVE AUTONOMIA

By RadioItaliaAnni60tv on 8 Maggio 2020 in NOTIZIE DALLA REDAZIONE

Continua il pressing delle Regioni perchè già lunedì sia consentito ai negozi di riprendere le attività, ma il muro del governo resta invalicabile: prima del 18 maggio non si riapre nulla – è la linea dell’esecutivo – perché servono almeno due settimane per valutare gli effetti sulla curva del contagio dell’allentamento del lockdown. I governatori, riuniti in conferenza, tengono però il punto e rilanciano un cavallo di battaglia degli enti regionali del nord: l’autonomia. Nessuna forzatura e fuga in avanti da parte di singole Regioni, d’altronde Roma – con la Calabria – ha mostrato il pugno duro. La conferenza delle Regioni ha dato il via libera a una richiesta al premier Conte perché il 17 maggio firmi un nuovo dpcm che consenta alle Regioni stesse di procedere da sole con le riaperture delle attività, sulla base delle valutazioni scientifiche dei rispettivi territori e previa adozione da parte delle imprese di tutte le misure per la tutela dei lavoratori e il contenimento del contagio. Una visione che a Roma trova la sponda del ministro degli affari regionali Boccia, che però ribadisce la necessità di aspettare i numeri. Apertura subito accolta da viale Aldo Moro: Stefano Bonaccini (pure presidente della conferenza delle regioni) ha parlato della necessità di rimanere “sempre in contatto col Governo e col Ministero della Salute”, perché col rialzo dei contagiati “rischieremmo chiusure di ciò che stiamo per riaprire”. La posizione però resta: “siccome le cose stanno andando meglio, io penso sia giusto permettere alle Regioni una nuova fase”, specifica Bonaccini. L’appello va a Roma, sottolinea, perché “fino ad oggi è solo il decreto del Governo che può permettere l’allargamento di aperture di attività produttive”, mentre le Regioni possono semmai “restringere”.