Our News

Latest news from our blog

REGIONALI: SALVINI NON SFONDA, LE SARDINE SI’, CAOS CENTRI SOCIALI

REGIONALI: SALVINI NON SFONDA, LE SARDINE SI’, CAOS CENTRI SOCIALI

By RadioItaliaAnni60tv on 15 Novembre 2019 in NOTIZIE DALLA REDAZIONE

E’ stata una serata impegnativa per Bologna, sotto diversi profili e interpretazioni. Partiamo dai numeri: sotto la capienza massima per alcuni spiccioli, quindi meno di 5.500 persone, di fatto è stato un pienone mancato per poco il comizio al Paladozza della Lega, con il lancio della campagna di Lucia Borgonzoni presidente di Regione. E’ andato ben oltre le aspettative il flah mob convocato su Facebook da tre bolognesi, “sardine contro Salvini”: dovevano essere 6mila, giusto per riempire il Crescentone, si sono ritrovati – si stima – in 10-12mila e hanno invaso piazza Maggiore, piazza Nettuno e le vie di accesso. Invasione non riuscita invece ai centri sociali, qui si entra in una altro ambito, quello dell’ordine pubblico. Un corteo di 3mila persone ha attraversato una parte della città per provare a raggiungere il palazzetto che ospitava la manifestazione del Carroccio: l’accesso era impedito e scontri ci sono stati con le forze dell’ordine. In realtà, per evitare che la situazione degenerasse, polizia e carabinieri hanno usato gli idranti per disperdere i più facinorosi, che hanno risposto con lanci di bottiglie. Il peggio è però stato evitato. Sul versante politico, esulta il centro-sinistra che sostiene Stefano Bonaccini per il successo inaspettato di piazza Maggiore e delle “sardine”; torna a casa contento Salvini per il calore del Paladozza e i tanti esponenti del centro-destra assiepati sul parterre a sostenere la Borgonzoni. La campagna elettorale ha avuto ieri sera il suo fischio di inizio.