skip to Main Content

COVID-19, ECONOMIA: E-R PRIMA PER CRESCITA DEI RISPARMI

La pandemia da Covid-19 ha avuto un effetto positivo sui risparmi degli italiani, cresciuti in alcune regioni in doppia cifra. Lo certifica, l’Abi (associazione banche italiane), per bocca del suo presidente Antonio Patuelli che mette le cifre nero su bianco questa mattina nell’edizione del Resto del Carlino dedicata ad Emilia-Romagna e Marche.

E d’altronde sono queste tra i due territori italiani che fanno segnare le cifre più alte. Al 31 marzo scorso, scrive il numero uno dei bancari, l’Emilia Romagna è risultata la regione che ha visto incrementare di più i depositi, con una crescita del 13%, superando anche le regioni di consueto più ricche, come la Lombardia ed il Trentino Alto Adige; guardando invece le Marche, l’aumento è stato 9%.

I numeri si riferiscono ai primi mesi del 2021.Insomma, imprese e famiglie da Piacenza a Rimini, nei difficili e lunghi mesi della pandemia, sono quelle che hanno risparmiato di più. Un tesoretto, lascia intendere Patuelli, che va a sommarsi ai finanziamenti governativi e ai fondi europei, Pnrr in testa. Un momento unico, scrive, “di fare ogni sforzo per sconfiggere definitivamente la pandemia e per accelerare gli sforzi per la cospicua e non effimera ripresa dello sviluppo e dell’occupazione”.

Lo definisce un clima di fiducia da sviluppare, il presidente dell’Abi, che in proposito auspica una nuova prolungata fase di investimenti pubblici e privati, europei e nazionali, non solo per superare il Covid, ma anche gli anni di limitata o addirittura inesistente crescita dello sviluppo e dell’occupazione.

Back To Top