skip to Main Content

ECONOMIA: UNIONCAMERE, BALZO IN AVANTI PER L’EMILIA-ROMAGNA

L’economia dell’Emilia-Romagna mette il turbo. Nel 2021 crescerà più delle altre regioni italiane, addirittura meglio di altre economie europee.

Tanto che Prometeia rivede le previsioni sul Pil di tre mesi fa, aggiustando al rialzo le stime di incremento, dal 6% al 6,5%. A dirlo è Prometeia con uno studio elaborato per Unioncamere.

A crescere di più sarà il comparto delle costruzioni per il quale si attende una variazione positiva di quasi il 21%, stimolata dagli incentivi che interessano il settore dell’edilizia. Bene anche l’industria che con un incremento del 10,5% recupererà quasi completamente quanto perso causa pandemia.

Ripresa più contenuta per il settore dei servizi, +4,2%. Investimenti ed export sembrano essere i principali artefici della forte crescita dell’Emilia-Romagna.

Per gli investimenti è previsto un aumento del 18,2%, per il commercio verso l’estero l’incremento dovrebbe attestarsi al 13,4%.

La nota più positiva riguarda l’occupazione.

A differenza di quanto ipotizzato inizialmente, per cui occorreva attendere il 2022 per una ripresa occupazionale, le stime più recenti indicano un’inversione di tendenza già entro quest’anno.

A fine 2021 l’occupazione in Emilia-Romagna registrerà un incremento dello 0,5%.

Il tasso di disoccupazione inizierà però a scendere solo nel 2023.

Back To Top